FC Au-Berneck 05 1 – VPC 1 5 – 0

La VPC1 torna sconfitta dalla trasferta contro il FC Au-Berneck 05 1!

Leggi tutto …

FC Rorschach-Goldach 1 - VPC 1 5:0

Sconditta pesante per la VPC 1 in casa della seconda classificata FC Rorschach.

Leggi tutto …

FC Abtwil-Engelburg 1 – VPC 1 2 – 1

La VPC 1 perde per 1 a 2 contro l'FC Abtwil-Engelburg 1

Leggi tutto …

VPC 1 – FC Abtwil-Engelburg 1 / 3 - 1

Grandissima prestazione della VPC 1 che batte l'FC Abtwil-Engerlburg 1 per 3 a 1!

Leggi tutto …

FC Mels 1 – VPC 1 1 – 3

Punteggio pieno per la VPC 1 dopo 2 giornate di campionato!

Leggi tutto …

Quando il cuore va oltre le difficoltà – VPC 1 nella storia

Ultima pagina di una fiaba con il lieto fine già scritto, che vede il fanalino di coda Buchs infliggere la seconda sconfitta stagionale alla VPC, quando ormai la promozione era già consolidata. Un goal roccambolesco dopo 2 minuti ed una partita che ha visto gli avversari chiudersi in 11 dietro il pallone, con il coltello tra i denti e con continue interruzioni di gioco, per conquistare una salvezza all’ultimo respiro. Questa in poche parole la cronaca di una partita dove i gialloneri sono arrivati già sazi dopo una stagione formidabile e, nonostante siano scesi in campo per vincere, la tensione rimasta altissima per 21 partite è inevitabilmente calata, portando ad una sconfitta forse ingiusta per quanto visto in campo. Poco importa perché domenica doveva essere ed è stata una giornata di celebrazione e di festa per i colori gialloneri, che hanno compiuto un autentico miracolo sportivo. Non vado ad elencare gli artefici del successo ad uno ad uno perché questi seguiranno nel pagellone stagionale a cura di Mattia Merlo.

Permettetemi un paragone romantico con quella che per gli appassionati è da ricordare come la favola più recente, autentica ed emozionante del calcio moderno. L’impresa storica di Claudio Ranieri che con il suo Leicester City ha conquistato la Premier League nella stagione 2015/2016. Siamo su un altro livello certo, ma la vittoria delle Foxes ad inizio stagione era quotata 5000 a 1, un 11 titolare costruito con una trentina di millioni, quando le stesse rivali in quella sessione di mercato avevano acquistato singoli giocatori per cifre di gran lunga superiori; come ad esempio i 105 millioni sborsati dallo United per Paul Pogba. In questo senso la VPC, viste le difficili condizioni in cui opera, si può tranquillamente paragonare al mitico Leicester, che seppur non potendo contare sulle risorse delle altre sfidanti ha dominato la scena e compiuto un miracolo sportivo. La VPC infatti sappiamo bene che anche solo a livello geografico è costretta ad intraprendere vere e proprie spedizioni, per poter disputare singole partite di campionato, un dispendio di mezzi, tempo ed energie non indifferente che nell’arco di una stagione può essere compensato solo dall’energia pura che scaturisce dal cuore e dalla passione che ci contraddistingue. Al nostro arrivo inoltre ci troviamo di fronte 4 o 5 campi da calcio immensi, tra sintetici ed erba naturale, prima di addentrarci negli spogliatoi che spesso contano oltre 10 cabine e somigliano a dei labirinti. Il bacino d’utenza di queste squadre inoltre, basti pensare alle varie compagini che militano in Liechtenstein, è molto vasto e grazie anche alle ingenti risorse finanziarie alcune nostre sfidanti anche in gennaio sono andate in giro per la Svizzera Orientale a fare la spesa… rinforzando la rosa e selezionando atleti di spessore. A livello numerico le nostre sfidanti hanno spesso avuto l’imbarazzo della scelta, dovendo decidere chi lasciare a casa, mentre nel nostro caso ogni elemento è vitale e anche una singola crea velocemente un manco, a cui bisogna sopperire nella miglior maniera possibile, adattando giocatori fuori ruolo o attingendo alla seconda squadra.

Viste le nostre modeste dimensioni ed il blasone di altre squadre che ad inizio stagione si sono pubblicamente dichiarate sicure di poter conquistare il titolo, i nostri gialloneri di certo non partivano come favoriti. Forse è stato proprio questo a stuzzicare l’orgoglio di un gruppo che con cuore ed unità ha saputo andare oltre le difficoltà e anche nei momenti più disperati (ricordiamo che all’andata la trasferta a Schluein Ilanz è stata intrapresa con una riserva prelevata dagli allievi) ha saputo dimostrare che con il giusto atteggiamento si può raggiungere l’impossibile. Negli ultimi mesi si  parlato molto di tutto questo e alcuni di noi sono ancora increduli, forse nemmeno si rendono conto di quanto hanno raggiunto e di quanto questo successo sia incredbile, un vero e proprio miracolo che difficilmente si ripeterà. Servirà forse del tempo per rendersene conto e sveglarsi da un sogno durato 1 stagione, un sogno che vede i gialloneri staccare di 5 lunghezze gli inseguitori al termine di un campionato dove sono 17 le vittorie, 3 i pareggi e 2 le sconfitte, una delle quali lo ricordiamo è arrivata a giochi già fatti. 68 goal fatti, media di oltre 3 goal a partita che fanno del nostro attacco il secondo migliore del campionato, unito alla miglior difesa con 23 goal subiti in 22 partite, un terzo dei quali arrivati in una giornata no, quella di Schaan che rappresenta l’unica vera sconfitta stagionale. Statistiche impressonanti per una squadra che si è sempre allenata a scaglioni, chi a Coira, chi a Poschiavo, chi a Zurigo… ma quando il cuore pulsa all’unisono, anche in campo le combinazioni si trovano a memoria.

Ogni parola è superflua per coloro che domenica hanno partecipato all’aperitivo VPC ed hanno celebrato con noi questo storico traguardo. Ogni parola comunque sminuisce le emozioni ed il grande lavoro di giocatori, staff tecnico, comitato, tifosi, sponsor e ogni singola persona che nel corso degli ultimi anni ha speso anche solo una goccia di sudore, per contribuire a questa incredibile cavalcata. Siamo grati a tutti voi e fin dalla prossima stagione ci sarà bisogno della vostra inesauribile passione e del vostro sostegno per mantenere alto il nome della Valposchiavo in una categoria dove gli avversari saranno implacabili.

Invito tutti però prima di ripartire a mille con la nuova stagione a prendersi un attimo di tempo e riassaporare tutti i passaggi che oggi hanno portato la VPC a diventare campione della 3a lega. Siate fieri del percorso intrapreso e delle soddisfazioni raggiunte, fate un pieno di orgoglio e di energie positive, pronti per lanciarvi al meglio in una nuova avventura.

Sono passati ben 18 anni dalla prima e fino a poco fa unica promozione giallonera in 2a lega e molti dei loro protagonisti sono intervenuti domenica per complimentarsi con la nuova generazione e per ricordare loro con emozione ed affetto, quanto un’esperienza di questo genere sia spesso unica ed indelebile nella vita di persone comuni come noi, che vivamo di semplici passioni. Proprio per creare un ricordo ancora più brillante e vivo lascio ora spazio al pagellone stagionale a cura di Mattia Merlo, un doveroso e divertente riassunto delle prestazioni dei nostri eroi, che di diritto entrano a far parte della storia di questa società e della Valposchiavo.

Moreno Cortesi